MASSAGGIO TERAPEUTICO

Con una particolare tecnica manuale si agisce su una struttura anatomica affetta da un fenomeno infiammatorio post-traumatico, o che presenta aderenze, per contribuire alla formazione di una cicatrizzazione forte e funzionale.

Con il metodo Ciryax di:
1. Mantenere la mobilità dei tessuti traumatizzati: viene inibita la formazione di tessuto cicatriziale, evitando la formazione di cross-links tra le varie fibrille. Le fibrille di collagene che si formano durante il periodo del trattamento si sviluppano così in modo corretto e più aderente alle necessità funzionali dell’organismo, prevenendo stress di natura meccanica ed eventuali recidive.
2. Produrre iperemia locale, per diminuire il dolore e regolare il flusso di substrati e metaboliti.
3. Stimolare i recettori meccanici, per inibire i messaggi afferenti dai nocicettori (teoria del Gate Control).

Secondo il medoto Ciryax il massaggio viene praticato con la punta di un dito (solitamente l’indice rinforzato dal medio), con un movimento ripetitivo in senso trasversale all’orientamento delle fibre della struttura anatomica lesa, senza provocare frizioni sulla cute. In caso di traumi muscolari di vecchia data, dove si è già formata una cicatrice fibrosa, è necessario imprimere una frizione piuttosto energica e prolungata.

Controindicazioni: nei processi infiammatori acuti dei tessuti molli, nei traumi recenti, nell’artrite reumatoide, nelle collagenopatie, nei pazienti emofilici e con turbe della coagulazione, nelle dermatosi.