ROTTURA DEL MENISCO

Le più comuni lesioni del ginocchio sono quelle a carico dei menischi, due piccole strutture fibrocartilaginee poste tra i condili femorali e la tibia, che permettono una più idonea distribuzione dei carichi sull’ articolazione garantendo la corretta biomeccanica del movimento.
Tipiche dell’ attività sportiva, in seguito ad una lesione meniscale il ginocchio perde la propria integrità meccanica portando squilibri ai meccanismi che la caratterizzano.
Le lesioni meniscali, di origine sia traumatica che degenerativa, possono coinvolgere qualsiasi punto del menisco.
I sintomi più frequenti sono dolore locale e a volte rigonfiamento, associato generalmente al cedimento e al blocco articolare.
Il trattamento di tale lesione è innanzitutto di tipo conservativo, quindi di completo riposo e crioterapia, poi salvo qualche eccezione è curabile nella maggior parte dei casi con l’ intervento chirurgico in artroscopia, anche se bisogna sottolineare che la TERAPIA FISICA ( soprattutto TECAR e LASER) può agire efficacemente riducendo dolore e sintomi.
Naturalmente adeguati trattamenti post chirurgici ispirati ai più aggiornati protocolli riabilitativi, sempre comunque rimodellati sulle specifiche esigenze della persona, hanno l’ obiettivo di recuperare al 100% l’escursione articolare, quindi la mobilità completa del ginocchio.
Infatti già dal giorno dopo l’intervento chirurgico, il fisioterapista può seguire il paziente in una prima fase di movimenti di flesso-estensione e successivamente inizierà la vera e propria KINESITERAPIA ATTIVA E PASSIVA con un vasto protocollo riabilitativo per il recupero del range articolare e il ripristino del tono muscolare associato anche a MASSOTERAPIA, utile in questo caso a decontrarre quelle strutture che si sono irrigidite nel periodo pre e post operatorio.