top of page

Core stability


Fai sport e ti infortuni spesso?

Hai una sensazione di debolezza e affaticamento del tratto lombare?


È molto importante che tu legga questo articolo.


Core stability

Core stability è un’espressione che ricorre in frequentemente in ambito di rieducazione posturale, per la prevenzione e la cura di svariate patologie della colonna vertebrale e viene citata molto spesso anche in ambito sportivo in ormai quasi tutti gli sport anche molto diversi fra loro (calcio, corsa, pallavolo, tennis ecc.) per ciò che riguarda la prevenzione e il recupero da infortuni.


Core è un termine inglese che significa centro, cuore (in senso figurato), nocciolo, nucleo.


Erroneamente molti si riferiscono al Core come al solo gruppo dei muscoli addominali; in realtà il concetto è decisamente più complesso.


Per Core si intende infatti il centro del nostro corpo, inteso come zona del tronco. Nel core training si va appunto ad allenare la zona addomino-lombare, ovvero tutto ciò che si trova tra: diaframma, le anche, muscoli obliqui addominali, muscoli multifido della colonna, parte bassa della schiena e muscoli flessori ed estensori dell’anca. Se i muscoli che formano questo cilindro hanno una buona performance potremo prevenire una serie di patologie come il mal di schiena, la pubalgia, e tanti altri infortuni.


Questa parte del corpo è molto importante e mette in relazione tutta la parte coordinativa dei movimenti ed è fondamentale nella stabilizzazione delle strutture muscolo scheletriche nelle posizioni protratte nel tempo come al lavoro, seduto o nell’effettuare sforzi lavorativi in posizioni scorrette.


A differenza di altri tipi di esercizi, nel core training si lavora su esercizi a corpo libero, movimenti lenti e posizioni statiche, stimolando movimenti funzionali che sollecitano contemporaneamente molti muscoli diversi.


Questa caratteristica di lavoro, non strettamente legato alla forza, rende questi esercizi adatti a tutti, principianti ed atleti esperti, adattandoli nel numero di ripetizioni e nel tempo di mantenimento della posizione, in base al proprio livello di allenamento.


Per chi sono utili questi esercizi:

  • per chi ha dolori alla schiena dovuti a lavori pesanti e ad una postura scorretta o ad un lavoro troppo sedentario in ufficio o in macchina;

  • per tutti gli sportivi agonisti o amatoriali che vogliano migliorare le proprie prestazioni e prevenire infortuni e dolori alla schiena e alle articolazioni (distorsioni, pubalgia, rotture legamentose come il crociato e tanto altro);

  • chiunque voglia migliorare la propria postura e la propria coordinazione motoria;

  • pazienti affetti da dorsalgia o lombalgia;

  • chi soffre di ernia del disco o protrusioni con infiammazioni del nervo sciatico e sciatalgia;

  • chi soffre di spondilosi, sclerosi vertebrale, spondiloartrosi o spondilouncoartrosi.

E’ fondamentale rivolgersi ad un centro medico che abbia cura di affidarvi ad un Fisioterapista specializzato per avere una valutazione personalizzata e un programma costruito in base al proprio problema e per imparare la corretta esecuzione degli esercizi stessi.

Scopri le origini del tuo dolore alla spalla e come tornare alla normalità
  • Whatsapp
bottom of page