top of page

Crampi notturni, perché vengono? Cosa fare?

Con l’arrivo dell’estate, molte persone accusano episodi di crampi notturni, ma in cosa consistono questi fenomeni?




I crampi alle gambe sono caratterizzati da contrazioni muscolari improvvise, invalidanti ed involontarie che si verificano comunemente durante o dopo un'intensa attività fisica.


I crampi colpiscono principalmente i muscoli del polpaccio, ma possono coinvolgere anche i muscoli posteriori della coscia od i muscoli della pianta del piede, anche di notte (crampi notturni delle gambe).

I crampi notturni si verificano principalmente durante il sonno e vengono solitamente percepiti come contrazioni muscolari unilaterali, dolorose, involontarie ed improvvise, spesso localizzate in una zona ben distinta.

In maniera minore, i crampi alle gambe possono anche verificarsi durante il giorno, nei periodi di riposo e relax.


COSA SONO I CRAMPI MUSCOLARI?

Il crampo muscolare è la contrazione totalmente involontaria e forzata di un muscolo, che lo rende incapace di allungarsi e rilassarsi. Il muscolo, o poche fibre dello stesso muscolo, ha la capacità di contrarsi volontariamente: se dovesse avvenire una sua contrazione involontariamente e non intenzionalmente si parlerebbe di spasmi muscolari.


I crampi muscolari sono spasmi molto forti e sostenuti, che spesso causano un indurimento visibile e palpabile del muscolo interessato.

I crampi muscolari sono estremamente comuni, tanto che quasi tutti almeno una volta nella vita hanno sperimentato un episodio di crampo.


I crampi muscolari sono più comuni negli adulti e diventano sempre più frequenti con l'invecchiamento: tuttavia, anche i bambini possono avvertire in alcune situazioni i crampi muscolari. L'incidenza è più alta nelle donne e negli adulti più anziani




PERCHE’ VENGONO I CRAMPI ALLA NOTTE?

Talvolta la manifestazione di crampi notturni agli arti inferiori, in particolare al polpaccio, avviene senza causa specifica: si parla in questi casi di crampi benigni idiopatici.

Quando invece le cause dei crampi notturni possono essere ricondotte a fattori precisi si parla di crampi secondari.

I crampi possono essere legati a una carenza di sali minerali, provocata a sua volta da un'eccessiva sudorazione (iperidrosi) oppure da uno stato di disidratazione.

Questo spiegherebbe come mai tendono a manifestarsi durante la stagione estiva: il caldo comporta infatti una maggiore perdita di liquidi e minerali.

Quando i crampi si presentano con una certa frequenza, possono indicare una quantità insufficiente o uno squilibrio di calcio, potassio, sodio, magnesio oppure di vitamina D.

Altre volte i crampi possono insorgere a causa di un affaticamento fisico durante il giorno, come effetto di uno sforzo eccessivo o di un esercizio sportivo ad alta intensità.


Inoltre i crampi possono occorrere più frequentemente quando sono associati ad altre condizioni quali:

· Gravidanza

· Disturbi della circolazione più o meno gravi che limitano l’afflusso di sangue ai muscoli, quali aterosclerosi periferica, flebite, varici, trombosi venosa

· Infiammazioni dei tendini e legamenti come la fascite plantare e la tendinite

· Malformazioni strutturali (come i piedi piatti o il ginocchio recurvato) o posture scorrette

· Patologie neurologiche (neuropatie periferiche o la sindrome delle gambe senza riposo, un disturbo contraddistinto dall’incontrollabile istinto di muovere le gambe)

· Malattie epatiche (che causano un aumento delle tossine nel sangue)

· Infezioni batteriche

· Patologie metaboliche oppure ormonali (alcolismo, diabete, ipotiroidismo)


La probabilità di svilupparsi di questi episodi cresce esponenzialmente in quelle persone con una muscolatura posteriore delle gambe ‘corta’: Più i muscoli sono allungabili ed elastici, meno frequentemente si sviluppano episodi di crampi.


COSA SI DEVE FARE QUANDO VENGONO I CRAMPI ALLE GAMBE DI NOTTE?

Nei momenti in cui si è assaliti da crampi notturni alle gambe o ai piedi possono essere adottati i seguenti rimedi:

  • Estendere e massaggiare il muscolo colpito dal crampo, mantenerlo allungato per alcuni secondi e poi rilasciarlo. Mentre si effettua il massaggio, può essere utile applicare del ghiaccio sul punto dolente oppure riscaldare la zona utilizzando un asciugamano caldo

  • Sollevare le gambe per favorire il ripristino della circolazione sanguigna.

  • se il crampo interessa il polpaccio, distendere la gamba e flettere il piede verso l’alto, puntando le dita verso il mento, poi camminare poggiandosi sui talloni per alcuni minuti

  • Se il crampo colpisce un piede, sollevare il piede e tirare le dita verso l'alto. Alzarsi dal letto e distribuire il peso sul piede interessato dal muscolo contratto

  • Fare un bagno caldo con del sale da cucina, per sciogliere l’acido lattico nei muscoli



COME FARE INVECE PER PREVENIRE I CRAMPI MUSCOLARI NOTTURNI?

Alcuni semplici rimedi della nonna possono aiutare a evitare la comparsa del problema:

  • Idratarsi molto bevendo abbondantemente acqua

  • Seguire una dieta sana ricca di frutta e verdura, che permetta di integrare il corretto apporto di vitamine e di minerali come il potassio, il calcio e il magnesio.

  • Fare sempre esercizi di riscaldamento muscolare prima di ogni allenamento

  • Ridurre il consumo di alcol, che può provocare disidratazione


In caso questi episodi siano ricorrenti, sarà importante rivolgersi al proprio terapista di fiducia per indagare la causa scatenante del fenomeno.



Scopri le origini del tuo dolore alla spalla e come tornare alla normalità
  • Whatsapp
bottom of page