top of page

Ripresa dello sport dopo lo stop estivo


RISCHI E COME PREVENIRLI! Con l’arrivo di settembre e la fine dell’estate, come ogni anno, riparte il periodo in cui ci dedichiamo all’attività sportiva con più costanza; chi per rimettersi in forma e chi per riprendere l’allenamento.

Chi pratica sport a livello agonistico si trova ad affrontare il periodo più impegnativo dell’anno con la preparazione atletica, ma anche chi si iscriverà in palestra, chi ricomincerà a correre, nuotare, andare in bicicletta, o praticherà altri sport a livello amatoriale o per hobby, dovrà prestare particolare attenzione per prevenire i frequenti infortuni dopo periodi di stop più o meno lunghi.


  • OBBIETTIVI

Il primo consiglio per ripartire è quello di porsi piccoli obiettivi raggiungibili, senza pretendere di ricominciare da dove abbiamo lasciato.

È necessario ripristinare lentamente i meccanismi del nostro corpo: una partenza troppo intensa potrebbe essere più nociva che benefica.

È importante ricominciare con metodo, essere coerenti con un programma di allenamento personalizzato, facendo affidamento su persone preparate e personale qualificato, che possano aiutarci a capire anche quale sia il tempo necessario al muscolo per poter recuperare.

Per questo motivo sono da evitare allenamenti troppo intensi e ravvicinati, perché così si rischia solo di creare un maggiore stress a muscoli, articolazioni e all’organismo in generale.

  • ELASTICITA’

Nella pratica sportiva i muscoli rigidi sono più predisposti ad infortuni, quindi è fondamentale eseguire un buon lavoro di riscaldamento e di stretching sia prima dell’attività fisica che alla fine, ed è molto utile associare massaggi di scarico che possano ridurre le tensioni muscolari e velocizzare i tempi di recupero.

Generalmente ci si concentra sullo stretching delle zone più soggette al carico e agli stress maggiori, come per esempio polpacci, muscoli della coscia e dell’anca, ma per chi pratica sport come la pallavolo o il tennis, non bisogna dimenticare di allungare anche i muscoli delle braccia, come bicipiti e tricipiti.

Mantenere un’adeguata lunghezza dei muscoli infatti aiuterà a rinforzarli e a proteggerli da eventuali contratture, stiramenti o, nei casi più gravi, da strappi. (come potete leggere nel nostro articolo “Strappo o contrattura? Questo è il dilemma!" nella sezione blog del nostro sito).

Infine ricordiamo che questi accorgimenti preventivi sono importanti anche perché retrazioni muscolari permanenti portano a lungo andare ad alterazioni posturali.


Presso il nostro centro forniamo valutazioni posturali e sviluppiamo percorsi di fisioterapia con ginnastica posturale, come core stability, abbinati ad eventuali trattamenti osteopatici, che ci permettono di prevenire i molteplici infortuni sopracitati.

Opmerkingen


Scopri le origini del tuo dolore alla spalla e come tornare alla normalità
  • Whatsapp
bottom of page